Lifestraw è una cannuccia attraverso la quale è possibile depurare e bere acqua non potabile. Questo grazie ad  una serie di filtri di cui è dotata che consentono di eliminare da qualunque sorgente di acqua (anche stagnante) il 99.9% di batteri e protozoi di dimensioni fino a 0.2 micron. Di contro va anche detto che non è in grado di filtrare virus o sostanze chimiche dannose e che ha comunque una durata limitata nel tempo anche in caso di scarso utilizzo. Nel mio caso la prima che ho acquistato è durata circa un anno e ho avuto modo di utilizzarla per bere da sorgenti, ruscelli e anche (giusto per sfida) da qualche pozzanghera: posso garantire che funziona egregiamente, visto che personalmente non ho subito alcun effetto collaterale.

La nuova versione denominata Lifestraw Go, in commercio dal 2015, rappresenta un notevole passo in avanti in quanto risolve il principale problema legato al fatto che la cannuccia era utilizzabile solo presso la sorgente d’acqua. In Lifestraw Go la cannuccia è diventa parte integrante di una bottiglia, consentendo così di immagazzinare fino ad un litro di acqua da bere anche in un secondo momento.

 

AMAZON: 50€